X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Perdite su crediti ante 2015 deducibili anche in anni seguenti l’apertura del fallimento

Secondo la Cassazione, le modifiche introdotte dal decreto internazionalizzazione hanno natura interpretativa

/ Luca FORNERO

Mercoledì, 2 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza n. 15218 di ieri, la Suprema Corte sembra mettere la parola “fine” alla questione dell’individuazione dell’esercizio di deducibilità delle perdite su crediti vantati verso debitori assoggettati alle procedure concorsuali o agli istituti assimilati elencati dall’art. 101 comma 5 del TUIR.

Si ricorda che, nell’impianto normativo in vigore dal 2015, la questione è superata, atteso che, con riferimento ai crediti di modesta entità e a quelli verso debitori sottoposti a procedura concorsuale, l’art. 101 comma 5-bis del TUIR (inserito dall’art. 13 comma 1 lett. d) del DLgs. 147/2015) stabilisce che la deduzione della perdita è ammessa nel periodo di imputazione in bilancio, anche quando detta imputazione è eseguita in un periodo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU