X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Solo per super-ecobonus del 110% «accesso autonomo dall’esterno»

/ REDAZIONE

Giovedì, 10 giugno 2021

x
STAMPA

Le definizioni di edifici unifamiliari o plurifamiliari che siano “funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno” non rilevano ai fini del super-sismabonus del 110%.

Dovendo l’intervento di riduzione del rischio sismico analizzare necessariamente l’intera struttura, non è necessario, ai fini del “Super sismabonus” verificare se le unità immobiliari abbiano dette caratteristiche. Lo precisa l’Agenzia delle Entrate nella risposta ad interpello n. 397 pubblicata ieri, 9 giugno 2021.

Quindi, solo per gli interventi volti alla riqualificazione energetica degli edifici (art. 119 commi 1 e 2 del DL 34/2020), il superbonus del 110% spetta anche per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno.

Per unità immobiliare “funzionalmente indipendente” si intende quella dotata di almeno tre delle seguenti installazioni o manufatti di proprietà esclusiva: impianti per l’approvvigionamento idrico; impianti per il gas; impianti per l’energia elettrica; impianto di climatizzazione invernale.

Per “accesso autonomo dall’esterno”, invece, si intende un accesso indipendente, non comune ad altre unità immobiliari, chiuso da cancello o portone d’ingresso che consenta l’accesso dalla strada o da cortile o da giardino anche di proprietà non esclusiva.

Ad esempio, un’unità immobiliare ha un “accesso autonomo dall’esterno” quando all’immobile si accede:
- direttamente da una strada, pubblica, privata o in multiproprietà o da un passaggio (cortile, giardino, scala esterna) comune ad altri immobili che affaccia su strada oppure da terreno di utilizzo comune, ma non esclusivo (ad esempio i pascoli), non essendo rilevante la proprietà pubblica o privata e/o esclusiva del possessore dell’unità immobiliare all’accesso in questione;
- da strada privata di altra proprietà gravata da servitù di passaggio a servizio dell’immobile.

TORNA SU