X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Dilazione dei termini con motivazione nella sentenza di fallimento

L’adunanza oltre il termine di 120 giorni non estende l’insinuazione tardiva a 18 mesi

/ Antonio NICOTRA

Martedì, 15 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione n. 16488/2021 ha precisato che il riferimento di cui agli artt. 16 comma 1 n. 4 e 101 del RD 267/42 al “caso di particolare complessità della procedura”, quale ragione della proroga del termine (ordinario di 120 giorni per la fissazione dell’adunanza e di quello di 12 mesi per la presentazione delle domande di insinuazione tardive), impongono al tribunale di fornire espressamente, all’interno della sentenza dichiarativa di fallimento, una motivazione della dilazione.

Nel caso di specie, il giudice delegato non ammetteva al passivo del fallimento il credito, vantato dal creditore a titolo di indennità di mancato preavviso – a seguito del licenziamento intimatogli dalla curatela – sul presupposto che l’insinuazione era stata presentata oltre ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU