X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Mancata conferma della cedolare secca su contratto in corso nel 2011 senza conseguenze

/ Anita MAURO

Mercoledì, 16 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’opzione per la cedolare secca, di cui all’art. 3 del DLgs. 23/2011, dopo un decennio di applicazione può destare ancora qualche dubbio, soprattutto con riferimento a ipotesi particolari.
Si pensi, ad esempio, al locatore del contratto di locazione stipulato prima del 2011 (ovvero prima dell’entrata in vigore della disciplina dell’imposta sostitutiva) e già registrato, che abbia optato per la tassa piatta in dichiarazione dei redditi (come consentito, per i contratti di locazione in corso nel 2011, dal § 6.2 del provv. Agenzia Entrate n. 55394/2011) e inviato la raccomandata all’inquilino.

Va ricordato che, con riferimento ai contratti “in corso” nel 2011 e già registrati, per i quali l’opzione era stata espressa in dichiarazione, l’Agenzia

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU