X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Immobili dei professionisti alla prova del modello REDDITI

Salvo alcune eccezioni, le spese deducibili devono essere riportate nel rigo RE10

/ Luca FORNERO

Martedì, 22 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per via delle modifiche normative intervenute nel corso degli anni, la disciplina degli immobili utilizzati dai titolari di reddito di lavoro autonomo si presenta alquanto articolata, con conseguente impatto differenziato nella compilazione del modello REDDITI.

Innanzitutto, occorre distinguere tra immobili strumentali e immobili a uso promiscuo.
Rientrano nella prima categoria gli immobili utilizzati esclusivamente per l’esercizio dell’arte o professione da parte del possessore (art. 43 comma 2 del TUIR).
Per gli immobili dei professionisti, a differenza di quelli relativi all’impresa, non è pertanto configurabile la strumentalità “per natura”, ma solo quella “per destinazione” (ris. Agenzia delle Entrate n. 13/2010).

Ciò premesso, risultano deducibili ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU