X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Il sindaco dimissionario di srl non va sostituito in via giudiziale

Il Tribunale provvede solo se la nomina dell’organo di controllo è divenuta obbligatoria dopo il verificarsi delle condizioni ex art. 2477 comma 2 c.c.

/ Luciano DE ANGELIS

Martedì, 22 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nelle srl, il tribunale è legittimato alla nomina del sindaco o del revisore solo quando l’assemblea, a ciò tenuta per il superamento dei limiti dell’art. 2477 c.c., non provveda e non quando a seguito delle dimissioni del sindaco esso non venga rinominato.
È questa la posizione assunta dal Tribunale di Milano nella decisione del 14 gennaio 2021.

Nella fattispecie, il sindaco dimissionario di una srl presentava ricorso al tribunale chiedendo che esso provvedesse a nuova nomina ex art. 2477 comma 5 c.c. La richiesta veniva motivata in relazione alla circostanza che il ricorrente aveva rassegnato le proprie dimissioni (da quasi un anno), che l’assemblea risultava inerte nel provvedere alla conseguente nomina di un nuovo sindaco e che si verificava la sua corrispondente permanenza

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU