X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Seconda proroga della sospensione delle procedure esecutive sulla prima casa illegittima

La sospensione della procedura, se il bene pignorato costituisce l’abitazione principale del debitore, non è più proporzionata

/ Cecilia PASQUALE

Mercoledì, 23 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

È costituzionalmente illegittima la seconda proroga (dal 1° gennaio al 30 giugno 2021) della sospensione delle procedure esecutive aventi a oggetto l’abitazione principale del debitore, disposta dall’art. 13 comma 14 del DL 183/2020 (c.d. “Milleproroghe”), in quanto il bilanciamento sotteso all’originaria sospensione delle procedure in oggetto è divenuto, col tempo, irragionevole e sproporzionato.
Questa è la decisione della Corte Costituzionale n. 128, pubblicata ieri, che ha accolto le questioni di costituzionalità sollevate dai tribunali di Barcellona Pozzo di Gotto e Rovigo aventi a oggetto la proroga della misura di cui all’art. 54-ter del DL 18/2020.

La norma, introdotta in sede di conversione del DL 18/2020, disponeva originariamente la sospensione per ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU