X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Cassazione severa sul difensore che accetta il mandato dalla società estinta

Appare eccessivamente rigoroso il principio in base al quale il difensore in questo caso è condannato alle spese

/ Antonino RUSSO

Mercoledì, 30 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Secondo quanto affermato dalla Cassazione nella sentenza n. 12856 del 13 maggio 2021, il difensore deve sopportare le spese del giudizio intrapreso in nome di una società estinta prima dell’accertamento tributario, oggetto di impugnazione.
La conclusione si è formata in un processo ove il contribuente ricorreva per cassazione nella duplice veste di legale rappresentante della società unipersonale e di socio unico della stessa, facendo valere la circostanza, già dedotta nei giudizi di merito, dell’avvenuta estinzione della società originaria prima degli avvisi di accertamento a essa notificati.

La Suprema Corte ha distinto due profili in relazione alle doglianze invocate per aver il giudice tributario di appello disatteso l’eccezione di estinzione della società, affermando apparentemente

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU