X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Bonus registratori telematici non tassati nel regime forfetario

/ Paola RIVETTI

Mercoledì, 25 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 2 comma 6-quinquies del DLgs. 127/2015 aveva previsto la concessione di un credito d’imposta in relazione alle spese sostenute nel 2019 e nel 2020 per l’acquisto o l’adattamento degli strumenti necessari alla memorizzazione o trasmissione telematica dei corrispettivi.

Il credito d’imposta ammontava al 50% della spesa sostenuta (comprensiva di IVA nella misura in cui l’imposta non abbia formato oggetto di detrazione in capo all’acquirente), fino a un massimo, per ciascuno strumento, di:
- 250 euro in caso di acquisto;
- 50 euro in caso di adattamento.
Per gli esercenti in regime forfetario, ad esempio, l’acquisto di un registratore telematico del costo di 400 euro più IVA (pari quindi a 488 euro, considerata l’aliquota ordinaria del 22%),

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU