X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Riciclaggio per l’utilizzo di fidi concessi indebitamente dalla banca

La violazione delle disposizioni interne è sufficiente ad integrare il reato presupposto

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 23 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 30304/2021, ha stabilito che la concessione di fidi in violazione delle regole interne di una banca, seppure nella consapevolezza dei vertici della stessa, è in grado di configurare la fattispecie di appropriazione indebita; fattispecie che potrebbe costituire “reato presupposto” di successive condotte di riciclaggio.

Innanzitutto, osserva la Suprema Corte, è configurabile il reato di appropriazione indebitaex art. 646 c.p., nell’ipotesi in cui il dipendente di un istituto di credito abbia concesso un fido al cliente con violazione, in accordo con lo stesso, delle norme sugli affidamenti stabiliti dall’istituto, sostanziandosi la condotta suddetta in un’arbitraria disposizione dei beni dell’istituto.

Rispetto a ciò, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU