X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Astensione dall’adeguata verifica della clientela da documentare

/ Stefano DE ROSA

Giovedì, 2 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai sensi dell’art. 42 comma 1 del DLgs. 231/2007, in caso di impossibilità oggettiva di effettuare l’adeguata verifica della clientela secondo le modalità descritte dall’art. 19 comma 1 lett. a), b) e c) del decreto, il soggetto obbligato dovrà:
- astenersi dall’instaurare, eseguire ovvero proseguire la prestazione professionale;
- valutare se effettuare una segnalazione di operazione sospetta (SOS), prevista dall’art. 35 del decreto stesso.

Gli obblighi di adeguata verifica richiamati dalla norma riguardano:
- l’identificazione del cliente e del titolare effettivo;
- la verifica dell’identità del cliente, del titolare effettivo e dell’esecutore;
- l’acquisizione e la valutazione di informazioni sullo scopo e sulla natura del rapporto continuativo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU