Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / OPERAZIONI STRAORDINARIE

Riserve in sospensione ricostruite post fusione anche con indicazione in Nota integrativa

Rispettata la condizione del primo periodo dell’art. 172 comma 5 del TUIR con menzione del vincolo gravante su una quota ideale del capitale sociale

/ Enrico ZANETTI

Martedì, 5 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Se nel patrimonio netto delle società fuse o incorporate sono presenti riserve, per le quali la relativa disciplina istitutiva prevede che il regime di sospensione di imposta venga meno non soltanto in ipotesi di distribuzione ai soci, bensì anche in presenza di altre utilizzazioni (c.d. “riserve in sospensione del primo tipo”), la società risultante o incorporante deve continuare a evidenziare nel proprio patrimonio netto post fusione le riserve medesime.

Un esempio di riserva in sospensione di imposta sempre recuperabile a tassazione è rappresentato dal “fondo per sopravvenienze attive” acceso ai sensi dell’art. 55 comma 3 lett. b) del “vecchio” TUIR, prima delle modifiche introdotte dalla L. 449/97.

Nella misura in cui, nel primo bilancio successivo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU