X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Tra composizione negoziata della crisi e concordato semplificato connubio migliorabile

I requisiti di accesso alle procedure depotenziano la portata dei nuovi istituti

/ Alessandro BAUDINO, Roberto FRASCINELLI e Paolo VERNERO

Venerdì, 24 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Tra le disposizioni che disciplinano la procedura di composizione negoziata della crisi spiccano quelle dirette ad agevolare la cessione a terzi dell’azienda o di rami della stessa, nella prospettiva di salvaguardarne il valore (a miglior soddisfazione dei creditori) e preservare per quanto possibile i livelli occupazionali.

E infatti:
- nell’ipotesi in cui le trattative abbiano avuto esito positivo e la soluzione individuata per il superamento della crisi e il risanamento dell’impresa preveda il trasferimento dell’azienda o di rami di essa (art. 2, comma 2), il tribunale, a norma dell’art. 10, può “autorizzare l’imprenditore a trasferire in qualunque forma l’azienda o uno o più suoi rami senza gli effetti di cui all’articolo 2560, secondo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU