X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Elezioni dei commercialisti nuovamente sospese

/ REDAZIONE

Domenica, 26 settembre 2021

x
STAMPA

Le elezioni per il rinnovo dei Consigli degli Ordini locali dei commercialisti, in programma i prossimi 11 e 12 ottobre, sono state nuovamente sospese. Il TAR del Lazio, con un decreto pubblicato ieri, ha infatti deciso di accogliere la richiesta di sospensiva collegata al ricorso presentato dall’ex Consigliere nazionale del CNDCEC, Felice Ruscetta.

Secondo Ruscetta, la delibera con cui sono state fissate le elezioni locali è affetta da nullità in quanto il Consiglio nazionale che l’ha adottata, avendo superato il periodo di proroga previsto dalla legge per gli enti pubblici, era da considerarsi decaduto. Di qui, la richiesta di annullamento della delibera, previa sospensione cautelare dei suoi effetti. Ieri, il TAR ha deciso di accogliere la richiesta di sospensiva e bloccare il procedimento elettorale almeno fino alla data dell’udienza di merito, programmata per il prossimo 12 ottobre.

Con l’Informativa n. 94, appena diffusa, il Consiglio nazionale fa sapere di aver dato mandato ai legali di proporre appello urgente al Consiglio di Stato, che “si dovrebbe esprimere, in via cautelare, già nella giornata di domani”. Intanto, però, il procedimento elettorale è sospeso. Di conseguenza, in attesa della decisione di palazzo Spada, il CNDCEC invita tutti gli Ordini territoriali a bloccare fin da subito anche le operazioni di voto per corrispondenza.

TORNA SU