X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Omologa forzata anche con proposta conveniente al pari dell’alternativa liquidatoria

Principi applicabili al concordato e all’accordo di ristrutturazione dei debiti

/ Marco PEZZETTA

Mercoledì, 27 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La convenienza del concordato preventivo (CP) o dell’accordo di ristrutturazione dei debiti (ADR) rispetto alla prospettiva liquidatoria è una condizione essenziale per il cram down fiscale e contributivo. In base all’art. 180 comma 4 del RD 267/1942, infatti, il tribunale omologa il CP quando “la proposta di soddisfacimento della ... amministrazione” finanziaria “o degli enti gestori di forme di previdenza o assistenza obbligatorie è conveniente rispetto all’alternativa liquidatoria”. Analogamente dispone l’art. 182-bis comma 4 L. fall. in materia di ADR.

Una disposizione che ha contenuti letteralmente simili e identica ratio si rinviene nella L. 3/2012, in materia di accordo di composizione della crisi da sovraindebitamento dei soggetti non fallibili. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU