X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Coacervo incompatibile con l’imposta di successione

Certamente escluse dal computo le donazioni operate mentre l’imposta era soppressa

/ Silvio RIVETTI

Mercoledì, 27 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il valore delle donazioni effettuate in vita dal defunto, a favore dei suoi eredi e legatari, non rileva ai fini dell’imposta di successione in capo a questi ultimi.

Lo dispone la sentenza n. 594/3/2021 della Commissione tributaria regionale del Piemonte, per la quale l’istituto del coacervo di cui all’art. 8 comma 4 del DLgs. 346/1990 (TUS) deve ritenersi implicitamente abrogato dal DL 262/2006 convertito, reistitutivo dell’imposta sulle successioni, che ha sostituito l’originario impianto impositivo di tipo progressivo con un meccanismo di tassazione differente, fondato su aliquote proporzionali da applicarsi ai valori eccedenti le franchigie di legge.

Il contenzioso scaturisce dall’omessa indicazione, nella dichiarazione di successione del de cuius, del

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU