X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Necessaria maggiore motivazione per il «sequestro fiscale»

Il fatto che sia prevista la confisca obbligatoria non significa che sia obbligatorio anche il sequestro preventivo

/ Ciro SANTORIELLO

Lunedì, 25 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Da anni il legislatore, nel campo del diritto penale tributario, individua quale strumento per la repressione dell’evasione fiscale la sanzione, per così dire, economica rappresentata dalla confisca del profitto del delitto, profitto a sua volta costituito dall’importo dell’imposta non pagata.

La confisca nel nostro ordinamento penale è sempre stata una misura di sicurezza ovvero uno strumento per impedire la circolazione di cose la cui fabbricazione, porto, detenzione ed alienazione costituisca reato – come ad esempio la sostanza stupefacente, le armi ecc. – e di cui quindi occorre impedire che i cittadini abbiano libera disponibilità.

Nell’ambito del sistema penale tributario descritto dal DLgs. 74/2000, invece, la confisca del profitto ha natura di vera e propria sanzione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU