X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Regime fiscale per marchi e avviamenti rivalutati e/o riallineati da chiarire

Diversi sono i dubbi sulle regole restrittive previste dal Ddl. di bilancio 2022, soprattutto per le modalità alternative di riconoscimento dei valori

/ Guerino RUSSETTI e Alexandra PICA

Sabato, 6 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 160 del Ddl. di bilancio 2022 impone regole restrittive in tema di deduzione dei maggiori valori di talune attività immateriali rivalutate e/o riallineate ai sensi dell’art. 110 del DL 104/2020. Già numerosi sono tuttavia i dubbi per i soggetti interessati (OIC e IFRS adopter) connessi all’eventuale applicazione delle disposizioni attualmente previste, soprattutto in relazione alle modalità alternative di riconoscimento dei valori fiscali rivalutati/riallineati.

In considerazione delle stime di minor gettito futuro che deriverebbe dalla deduzione di ammortamenti sui maggiori valori rivalutati/riallineati, l’art. 160 menzionato prevede, per le attività con ammortamento fiscale in 18 anni ex art. 103 del TUIR (in primis, marchi e avviamenti), un piano di ammortamento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU