X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Insinuazione al passivo unica per il credito da canoni di locazione

La riconsegna dell’immobile rende certo il credito e segna il momento di presentazione della domanda

/ Antonio NICOTRA

Martedì, 7 dicembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La decisione della Cassazione del 16 novembre 2021 n. 34730 ha enunciato il principio secondo cui il creditore per canoni di locazione e/o indennità sorti in data successiva al fallimento non è tenuto ad insinuare il proprio credito in via frazionata, mano a mano che questo matura; la condizione per la sua partecipazione al passivo, che segna il momento a partire dal quale decorre il termine di decadenza di un anno per la presentazione della domanda di ammissione, si verifica, invece, alla data di compimento del fatto (ossia la riconsegna dell’immobile) che determina la definitiva quantificazione del credito.

Sul tema si ricorda che, secondo il più recente orientamento della giurisprudenza di legittimità, l’insinuazione al passivo dei crediti sorti nel corso della procedura fallimentare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU