X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il termine dilatorio decorre dall’ultimo accesso

La Cassazione prescinde da contenuto e denominazione formale dei verbali

/ Alice BOANO

Sabato, 27 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, nella pronuncia n. 36846 del 26 novembre 2021, ha ribadito che il termine dilatorio di sessanta giorni di cui all’art. 12, comma 7 della L. 212/2000 decorre dall’ultima operazione di accesso, verifica o ispezione, a tutela del contraddittorio con il contribuente.

Nel caso di specie, a seguito di una verifica fiscale eseguita dalla Guardia di Finanza conclusasi con processo verbale di costatazione, notificato al contribuente in data 15 giugno 2007, l’Agenzia delle Entrate iniziava i propri accertamenti.
L’Ufficio, previo esame delle osservazioni del contribuente e della documentazione prodotta, effettuava un accesso “mirato” presso il contribuente, nel febbraio 2008, dichiarando la finalità di raccogliere documentazione, ma anche per ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU