X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Termine decadenziale per il diniego di definizione della lite

La Cassazione supera un diverso orientamento

/ REDAZIONE

Sabato, 27 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per effetto dell’art. 6 comma 12 del DL 119/2018, il diniego di definizione delle liti pendenti doveva essere notificato entro il 31 luglio 2020, con le modalità previste per la notifica degli atti processuali.

Esso è impugnabile, a seconda dei casi:
- entro 60 giorni all’organo giurisdizionale presso cui pende la lite;
- ove la definizione sia chiesta in pendenza del termine per impugnare, anche unitamente alla sentenza entro 60 giorni dalla sua notifica.

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 36824 depositata ieri, 26 novembre 2021, ha sancito che il termine per la notifica del diniego di definizione è perentorio, sebbene alcuna norma lo sancisca in via espressa.

Per i giudici: “L’eccezione appare meritevole di accoglimento, dovendosi ritenere che l’inosservanza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU