X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Fusioni internazionali neutrali sulla posizione della S.O. italiana

Il regime di favore per le operazioni intracomunitarie esclude, però, le strutture che non si qualificano come stabile organizzazione

/ Gianluca ODETTO

Mercoledì, 1 dicembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La disciplina fiscale delle fusioni che coinvolgono società italiane, o società non residenti con stabili organizzazioni italiane, si rinviene dal combinato disposto delle seguenti norme:
- l’art. 166 comma 1 lettera e) del TUIR, che prevede la tassazione dei plusvalori insiti nei beni della società italiana incorporata o fusa in una società estera che non confluiscono in una stabile organizzazione italiana di quest’ultima;
- l’art. 166-bis comma 1 lettera e) del TUIR, che prevede, di regola, l’ingresso nel sistema fiscale italiano a valori correnti dei beni di una società estera incorporata o fusa in una società italiana;
- l’art. 178 comma 1 lettere a) e d) del TUIR, che prevedono nei rapporti intracomunitari un regime di neutralità rispettivamente per le fusioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU