Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Necessario il nulla osta del sindacato anche per la trasferta del sindacalista

Violare l’onere di richiesta del nulla osta o adottare il provvedimento malgrado il diniego configurano un comportamento antisindacale

/ Giosafat RIGANÒ

Giovedì, 9 dicembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In base all’art. 22 della L. 300/1970 il trasferimento del dirigente della rappresentanza sindacale aziendale è subordinato al nulla osta dell’organizzazione di appartenenza. La protezione dura sino al termine dell’anno successivo a quello in cui è cessato l’incarico dirigenziale.
Il beneficio si estende ai dirigenti delle rappresentanze sindacali unitarie, in quanto l’art. 4 dell’accordo interconfederale del 20 dicembre 1993 stabilisce che “i componenti delle r.s.u. subentrano ai dirigenti delle r.s.a. nella titolarità dei diritti, permessi e libertà sindacali e tutele loro spettanti per effetto delle disposizioni di cui al titolo III della legge n. 300/1970”.

Secondo l’orientamento prevalente in giurisprudenza il nulla osta è necessario ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU