Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Credito prededucibile anche in caso di autofallimento a certe condizioni

Il diverso epilogo fallimentare deve scaturire dall’iniziativa del debitore che ha articolato mezzi per conservare il patrimonio in ottica concorsuale

/ Tommaso NIGRO

Giovedì, 27 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il tema della prededucibilità dei crediti dei professionisti sorti in funzione delle procedure concorsuali ai sensi del comma 2 dell’art. 111 del RD 267/42 ha trovato, di recente, l’arresto giurisprudenziale delle Sezioni Unite della Cassazione che, con sentenza n. 42093/2021, ha enunciato il seguente principio di diritto: “il credito del professionista incaricato dal debitore di ausilio tecnico per l’accesso al concordato preventivo o il perfezionamento dei relativi atti è considerato prededucibile, anche nel successivo e consecutivo fallimento, se la relativa prestazione, anteriore o posteriore alla domanda di cui all’art. 161 l.f., sia stata funzionale, ai sensi dell’art. 111 comma 2 l.f., alle finalità della prima procedura, contribuendo con inerenza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU