Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nel regime CFC, il controllante indiretto compila il quadro FC del modello REDDITI

Nel quadro RM, invece, va dichiarato il reddito imputato ai soggetti residenti che possiedono direttamente la partecipazione nella controllata estera

/ Salvatore SANNA

Martedì, 10 maggio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il regime delle controlled foreign companies (c.d. CFC) di cui all’art. 167 del TUIR prevede che i redditi di una controllata estera residente in un Paese considerato a fiscalità privilegiata siano imputati al socio residente e assoggettati a tassazione separata.

Secondo l’art. 167 comma 6 del TUIR, in presenza dei presupposti di accesso al regime CFC, il reddito della controllata estera deve essere imputato per trasparenza al soggetto partecipante residente nel periodo di imposta di quest’ultimo in corso alla data di chiusura dell’esercizio del soggetto controllato non residente.
L’imputazione deve avvenire in proporzione alla quota di partecipazione agli utili.

Come confermato da ultimo dalla circ. Agenzia delle Entrate 27 dicembre 2021 n. 18 (§ 7.2), anche per ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU