Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Riversamento del credito più caro per i contribuenti che hanno già pagato

Per il provvedimento in consultazione pubblica sanzioni e interessi non scomputabili

/ Caterina MONTELEONE

Martedì, 17 maggio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il provvedimento pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate nell’ambito della consultazione pubblica relativa alla procedura di riversamento del credito introdotta dall’art. 5 commi 7-12 del DL 146/2021 lascia aperto un aspetto critico della norma che, è auspicabile, possa trovare una diversa disciplina al termine della procedura di consultazione e che riguarda la possibilità, non esplicitamente prevista dall’art. 5 del DL 146/2021, di scomputare dalle somme dovute per accedere alla definizione quelle già versate ad eccezione degli importi versati a titolo di sanzioni ed interessi.

L’art. 5 comma 11 del DL 146/2021 si limita a subordinare il perfezionamento della procedura di riversamento all’integrale “versamento di quanto dovuto”, mentre

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU