Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 25 settembre 2022

PROFESSIONI

Sindaci nelle società benefit chiamati al controllo dell’osservanza dello statuto

Occorre verificare se gli amministratori sono in grado di coniugare ed equilibrare gli interessi dei soci con quelli degli stakeholders

/ Ermando BOZZA

Lunedì, 13 giugno 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

La crescente sensibilità verso i temi della sostenibilità ha determinato in Italia un considerevole incremento delle società (si stima siano più di duemila) che hanno deciso di trasformarsi in società benefit. Tale modello, introdotto nel nostro ordinamento dall’art. 1 commi 376-384 della L. 208/2015, pur non creando un nuovo tipo di società, prevede la possibilità di introdurre nell’oggetto sociale un duplice scopo: profitto e beneficio comune. Nelle società benefit, infatti, viene superata la tradizionale visione dell’impresa volta al solo soddisfacimento degli interessi dei soci a favore di un modello “ibrido” che affianca a essi anche quelli degli stakeholders.

La citata norma di legge nulla dispone circa i doveri dell’organo di controllo delle società ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU