ACCEDI
Venerdì, 19 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / AGROINDUSTRIA

Enoturismo e oleoturismo con una serie di requisiti e standard minimi di qualità

L’attività enoturistica è considerata attività agricola connessa ove svolta dall’imprenditore agricolo singolo o associato

/ Antonio PICCOLO

Sabato, 20 agosto 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il settore agricolo attuale è caratterizzato da nuove e specifiche attività produttive comunque connesse alla principale e tradizionale attività agricola. Ci riferiamo a enoturismo e oleoturismo.

L’enoturismo è stato definito dall’art. 1 comma 502 della L. 205/2017 come “tutte le attività di conoscenza del vino espletate nel luogo di produzione, le visite nei luoghi di coltura, di produzione o di esposizione degli strumenti utili alla coltivazione della vite, la degustazione e la commercializzazione delle produzioni vinicole aziendali, anche in abbinamento ad alimenti, le iniziative a carattere didattico e ricreativo nell’ambito delle cantine”. Allo svolgimento dell’attività, secondo il comma 503, si applicano le disposizioni fiscali dell’art. 5 della ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU