ACCEDI
Martedì, 27 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / IAS

La rinegoziazione delle passività non è di natura valutativa neanche in sede di FTA

Con l’adozione dell’IFRS 9, l’utile da rinegoziazione viene assoggettato ad un nuovo criterio di imputazione temporale

/ Angelo GARCEA

Lunedì, 12 settembre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le operazioni di rinegoziazione delle passività finanziarie che abbiano comportato modifiche non sostanziali sono state rappresentate secondo nuovi criteri a seguito dell’adozione dell’IFRS 9. Mentre in vigenza dello IAS 39 la prassi contabile era quella di rideterminare il tasso di interesse effettivo sulla base della nuova dinamica dei flussi finanziari – e, quindi, di tradurre il beneficio della rinegoziazione in un minor ammontare di interessi passivi – l’IFRS 9 ha imposto di continuare ad attualizzare i flussi finanziari rimodulati in base al tasso di interesse effettivo originario (rettificato in base ai soli costi di rinegoziazione), con l’effetto di dover iscrivere il differenziale tra valore contabile della passività e valore attualizzato dei flussi a Conto

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU