Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 27 novembre 2022

IMPRESA

Amministratore «di fatto» in base all’esercizio continuativo dei poteri tipici

Spetta ai giudici del merito valutare la pregnanza, ai fini dell’attribuzione della qualifica o della funzione, dei singoli poteri in concreto esercitati

/ Maria Francesca ARTUSI

Mercoledì, 28 settembre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini dell’attribuzione ad un soggetto della qualifica di amministratore “di fatto” di una società, può essere valorizzato l’esercizio, in modo continuativo e significativo, e non meramente episodico od occasionale, di tutti i poteri tipici inerenti alla qualifica o alla funzione, od anche soltanto di alcuni di essi.
In tale ultimo caso, peraltro, spetterà ai giudici del merito valutare la pregnanza, ai fini dell’attribuzione della qualifica o della funzione, dei singoli poteri in concreto esercitati.

Tale principio viene enunciato dalla sentenza n. 36556 depositata ieri dalla Cassazione. Ad un soggetto, qualificato come amministratore di fatto di due srl, erano stati contestati i reati di emissione di fatture per operazioni inesistenti (art. 8 del DLgs. 74/2000), ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU