Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 febbraio 2023

FISCO

L’atto impositivo non può essere notificato all’ergastolano

Si tratta di un soggetto sottoposto all’interdizione legale

/ Alice BOANO

Giovedì, 27 ottobre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

La notifica di un atto impositivo al detenuto che si trova, per questo motivo, in stato di interdizione legale è illegittima in quanto si tratta di un soggetto privo della capacità di agire, al pari di quanto avviene nell’interdizione giudiziale.
L’unico soggetto legittimato a ricevere le cartelle e/o altri atti impositivi è il tutore.
Lo ha stabilito la Corte di Cassazione in occasione della pronuncia n. 31563 depositata il 25 ottobre 2022.

L’interdizione legale è una pena accessoria che viene inflitta alle persone condannate alla pena della reclusione per cinque anni o più. Il soggetto viene sostituito, nel compimento di atti giuridicamente rilevanti (ad esempio contratti, atti giuridici), da un tutore sino all’espiazione della pena. Una volta espiata la pena l’interdetto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU