ACCEDI
Giovedì, 13 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Euroritenuta da rimborsare in caso di adesione alla voluntary disclosure

Secondo la Cassazione, la procedura di collaborazione volontaria rappresenta il presupposto da cui deriva il diritto al rimborso

/ Salvatore SANNA

Venerdì, 13 gennaio 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 738, pubblicata ieri, la Corte di Cassazione ha riconosciuto il rimborso dell’euroritenuta, che risultava già versata e certificata dall’istituto di credito estero, per le annualità che sono state oggetto della procedura di collaborazione volontaria (voluntary disclosure) parte del contribuente.
Quest’ultima consisteva nell’emersione spontanea dei capitali detenuti illecitamente all’estero, che ricomprendeva anche infedeltà dichiarative non connesse alle suddette attività, alla quale conseguivano significative attenuazioni delle sanzioni.

La sentenza sembra quindi risolvere il contrasto formatosi nella giurisprudenza di merito che non sempre riconosceva il diritto al rimborso dell’euroritenuta. Quest’ultima, prevista dalla direttiva ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU