ACCEDI
Mercoledì, 28 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rinuncia in Cassazione incerta per le sanzioni RW

Occorre definire un accordo transattivo con l’Agenzia delle Entrate

/ Dario AUGELLO e Gabriella DE MATTIA

Sabato, 4 febbraio 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 1 comma 213 della L. 197/2022 prevede, in alternativa alla definizione agevolata delle liti pendenti, la rinuncia agevolata al ricorso nelle controversie tributarie pendenti in Cassazione al 1° gennaio 2023.
Alcuni chiarimenti sono stati espressi dall’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 2/2023 (§ 6). 

La rinuncia può essere esperita entro il 30 giugno 2023 e può riguardare tanto il ricorso principale, quanto il ricorso incidentale. A differenza della definizione delle liti pendenti, la rinuncia è valida solo se il ricorso ha ad oggetto atti impositivi: sono esclusi, quindi, gli atti di riscossione. Sono però comprese le liti avverso le cartelle di pagamento o i pignoramenti, se il contribuente dimostra di non aver ricevuto l’accertamento (Cass. SS.UU. n. 18298/2021). ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU