ACCEDI
Venerdì, 12 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per la ristorazione possibile un’aliquota IVA diversa da quella dei beni ceduti

Può essere differente il regime tra la vendita al dettaglio del bene e il servizio di somministrazione

/ Emanuele GRECO

Sabato, 7 ottobre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Giustizia dell’Unione europea, con la sentenza relativa alla causa C-146/22 del 5 ottobre, ha affermato che due prodotti alimentari composti dallo stesso ingrediente principale possono essere soggetti a due aliquote IVA diverse, a seconda che essi siano venduti al dettaglio oppure che siano forniti caldi per il consumo immediato.

Nel caso del diritto polacco, è applicata un’aliquota differente per un medesimo bene laddove esso sia venduto in un negozio o sia preparato per essere immediatamente consumato.
È, infatti, prevista una specifica aliquota per il servizio di ristorazione e consumo di bevande, diversa da quella astrattamente applicabile a ciascun bene individualmente fornito.

Per certi versi, lo stesso avviene nella legislazione italiana, la quale contempla l’aliquota ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU