ACCEDI
Mercoledì, 26 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Nella liquidazione giudiziale non opera il privilegio fondiario

/ Tommaso NIGRO

Venerdì, 15 settembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel novero dei crediti che devono necessariamente trovare collocazione all’interno della verifica dello stato passivo nella procedura di liquidazione giudiziale (un tempo il “fallimento”), assumono rilevanza quelli assistiti dal c.d. “privilegio fondiario”, il quale determina la possibilità per gli istituti di credito di conseguire il risultato dell’assegnazione anticipata, quand’anche a titolo solo provvisorio, della somma ricavata dalla vendita operata in sede esecutiva individuale. L’assegnazione, calata nel contesto del fallimento, si risolveva in un mero “privilegio processuale” senza alcuna deroga alla regola della par condicio creditorum, solo consentendo un’attribuzione anticipata delle somme.

Nel previgente sistema la ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU