ACCEDI
Sabato, 13 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Su IPAB e sovraindebitamento questione solo in apparenza chiusa

La Cassazione ha esaminato la legittimazione dell’accesso di tali enti pubblici alle procedure sotto il profilo processuale e non sostanziale

/ Chiara CRACOLICI e Alessandro CURLETTI

Martedì, 7 novembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 30814 depositata ieri, la Cassazione si sofferma sulla vexata quaestio relativa alla legittimazione delle Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza (IPAB) – enti pubblici con finalità di provvedere all’assistenza in favore di anziani non autosufficienti e di disabili – ad accedere alle procedure di composizione delle crisi da sovraindebitamento e, segnatamente, alla procedura di accordo di composizione della crisi di cui alla previgente L. 3/2012.

Il tema, già dibattuto e di non poco conto sotto la vigenza della L. 3/2012, appare attuale ancora oggi con il Codice della crisi (CCII). La questione non pare, comunque, potersi dire risolta, quanto meno ad avviso di chi scrive, dalla sentenza in commento.

La vicenda sottesa alla pronuncia trae origine dai seguenti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU