ACCEDI
Mercoledì, 24 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Usucapione possibile anche in pendenza del fallimento

La sentenza di fallimento trascritta non interrompe il possesso ad usucapionem

/ Antonio NICOTRA

Mercoledì, 27 dicembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

La pronuncia della Cassazione n. 28880/2023 ha ribadito il principio secondo il quale la sentenza dichiarativa del fallimento e la sua trascrizione, ex art. 88 del RD 267/42, sono inidonee a interrompere il decorso tempo per l’acquisto del diritto di proprietà a titolo di usucapione, conseguendo l’interruzione del possesso solo all’azione del curatore per il recupero del bene, nelle forme e nei modi di cui agli artt. 1165 e 1167 c.c.

La trascrizione della sentenza di fallimento nei registri immobiliari può essere invocata per valutare l’opponibilità al fallimento di atti di acquisto della proprietà immobiliare a titolo derivativo, ma non di atti di acquisto della proprietà a titolo originario, come nel caso dell’usucapione, posto che il fallimento determina ai sensi

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU