ACCEDI
Mercoledì, 17 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Anche la convivenza prematrimoniale rileva ai fini dell’assegno divorzile

Necessaria la continuità con il successivo vincolo matrimoniale

/ Carmela NOVELLA e Cecilia PASQUALE

Mercoledì, 24 gennaio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le Sezioni Unite della Cassazione, con la sentenza n. 35385/2023, hanno risolto in senso affermativo la questione di particolare importanza concernente la possibilità di dare rilievo, ai fini della determinazione dell’assegno di divorzio, alla durata del rapporto di convivenza, anteriore al matrimonio formalizzato. La Corte accoglie, così, un’interpretazione evolutiva dell’istituto e, pur evidenziando le differenze tra matrimonio e convivenza (che permangono anche dopo la L. 76/2016), valorizza gli obblighi di solidarietà morale e materiale che caratterizzano entrambi i modelli familiari dopo la loro cessazione.

La decisione muove dalla ricostruzione del quadro normativo e dei principali orientamenti giurisprudenziali sul tema.
A venire in rilievo è, soprattutto, l’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU