ACCEDI
Giovedì, 13 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Ricognizione del debito con effetto confermativo di un preesistente rapporto

Sul curatore grava l’onere di provare l’inesistenza o l’invalidità del rapporto fondamentale

/ Antonio NICOTRA

Lunedì, 29 gennaio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, con l’ordinanza n. 34609/2023, ha stabilito che, in tema di ricognizione del debito, il curatore fallimentare è soggetto alla presunzione relativa di cui all’art. 1988 c.c., che lo legittima a dimostrare l’inesistenza, l’invalidità o comunque il venir meno degli effetti del rapporto negoziale in base al quale il fallito (con atto di data certa anteriore al fallimento e dunque opponibile alla massa) si sia riconosciuto debitore di un terzo che, in forza di tale ricognizione, insinui il corrispondente credito al passivo fallimentare.

Al fine di giungere a tale assunto, la Corte muove da una riflessione circa la natura dell’istituto civilistico della ricognizione di debito, rilevando che essa ha effetto confermativo di un preesistente rapporto obbligatorio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU