ACCEDI
Lunedì, 24 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Confermato il diritto alla conservazione del lavoro per sopraggiunta disabilità

Per la Corte Ue il datore deve prevedere soluzioni ragionevoli, come la riassegnazione a un posto di lavoro differente rispetto a quello originario

/ Giulia CAPRA QUARELLI

Venerdì, 19 gennaio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

In materia di parità di trattamento nell’ambito dell’occupazione e delle condizioni di lavoro delle persone con disabilità, l’ordinamento ha introdotto varie misure volte a promuovere l’inserimento nel mondo del lavoro, l’integrazione lavorativa e la conservazione del posto di lavoro delle persone disabili.

Tra queste, l’art. 10 della L. 68/99 prevede, ad es., limiti stringenti alle ipotesi di licenziamento di tali soggetti (licenziamenti collettivi o per giustificato motivo oggettivo), con una tutela rafforzata nel caso del lavoratore disabile obbligatoriamente avviato che risulti affetto da inidoneità sopravvenuta alla mansione, per aggravamento della situazione di handicap, dovendosi verificare se lo stesso possa continuare a essere impiegato presso l’azienda. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU