X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 16 gennaio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Dal 2019 accertamenti «ridotti» per chi traccia pagamenti sopra 500 euro

Per le fatture emesse nel 2018 resta il limite di 30 euro

/ Corinna COSENTINO e Emanuele GRECO

Martedì, 11 dicembre 2018

A decorrere dall’anno di imposta 2019, i soggetti passivi IVA che garantiranno la tracciabilità dei pagamenti effettuati e degli incassi ricevuti, relativi a operazioni di ammontare superiore a 500 euro, potranno godere della riduzione di due anni dei termini di accertamento.
In tale ipotesi, il termine di decadenza per la notifica degli accertamenti, ordinariamente previsto dagli art. 57 comma 1 del DPR 633/72 e art. 43 comma 1 del DPR 600/73, risulterebbe essere il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione. Per l’anno di imposta 2019, ad esempio, il termine per le notifiche scadrebbe il 31 dicembre 2023.

La deroga di cui trattasi è stabilita dall’art. 3 del DLgs. 127/2015, come risultante dalle modifiche di cui all’art. 1 comma ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU