X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 25 giugno 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Dal 18 aprile fattura elettronica «europea» per gli appalti pubblici

Ancora da definire le regole tecniche per la ricezione delle fatture da parte delle P.A. e degli enti aggiudicatori

/ Corinna COSENTINO

Lunedì, 15 aprile 2019

Il prossimo 18 aprile entra in vigore, per le amministrazioni e gli enti individuati dal DLgs. 148/2018, l’obbligo di accettare fatture elettroniche anche in formati diversi dal formato “Fattura PA”, purché le stesse siano conformi allo standard europeo di fattura elettronica (EN 16931-1:2017) e siano emesse in rapporto all’esecuzione di contratti pubblici di appalto. Fanno eccezione le “amministrazioni aggiudicatrici sub-centrali” (ossia quelle che non sono autorità governative centrali), per le quali l’obbligo entra in vigore dal 18 aprile 2020.

La finalità della nuova disciplina, prevista in attuazione della direttiva 2014/55/Ue, è quella di facilitare la partecipazione dei soggetti passivi IVA agli appalti pubblici transfrontalieri, riducendo gli ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU