X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 18 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Diritto al rimborso in pendenza dei termini nonostante l’overruling

La Cassazione affronta la tematica in occasione di un contrasto sorto sull’incentivo all’esodo del lavoratori

/ Antonino RUSSO

Sabato, 14 settembre 2019

La Suprema Corte, con la sentenza n. 20342 del 26 luglio 2019, ha negato l’invocabilità dell’overruling (ovvero del bilanciamento dell’interesse della parte “colpita” da un improvviso revirement giurisprudenziale) in ordine al tema dell’incentivo all’esodo, conclusosi con la chiarificatrice sentenza di legittimità n. 17009 del 5 ottobre 2012 e con l’accoglimento della tesi difensiva dell’Agenzia sul contenzioso seriale che avvolgeva l’individuazione del dies a quo di decorrenza del termine decadenziale – ex art. 38, comma 1, del DPR 602/73 – per azionare il diritto di ripetizione delle (maggiori) somme versate per la cessazione del rapporto lavorativo di cui all’art. 19, comma 4-bis del TUIR, così come reinterpretato alla luce

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU