X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 29 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Ricorso in Cassazione solo contro la sentenza di fallimento

L’accoglimento del reclamo contro il rigetto del fallimento è privo di natura decisoria e definitiva

/ Antonio NICOTRA

Sabato, 18 gennaio 2020

La Cassazione n. 30202/2019 ha stabilito che la decisione della Corte d’Appello, che accoglie il reclamo contro il rigetto del ricorso per il fallimento e rimette al Tribunale, d’ufficio, gli atti per la dichiarazione di fallimento (art. 22 comma 4 del RD 267/42), non ha carattere decisorio né definitivo e non è impugnabile con il ricorso per cassazione ex art. 111 comma 7 Cost., dal momento che l’incidenza sui diritti delle parti non deriva direttamente dal decreto di accoglimento, ma dalla successiva sentenza dichiarativa di fallimento, autonomamente impugnabile, ex art. 18 del RD 267/42, di cui il provvedimento costituisce un momento del relativo procedimento.
Eventuali vizi attinenti al procedimento di reclamo, quindi, possono essere fatti valere nel procedimento di impugnazione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU