X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Sostituzione con CIGO «COVID-19» solo se la CIGS è sospesa

L’azienda deve richiedere al Ministero del Lavoro un decreto di sospensione del trattamento di integrazione salariale straordinario

/ Paolo BONINI

Mercoledì, 8 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le aziende che alla data del 23 febbraio 2020 avevano già in corso un trattamento di integrazione salariale straordinario (CIGS), possono sospenderlo e sostituirlo con il trattamento ordinario (CIGO) previsto dall’art. 19 del DL 18/2020 (decreto “Cura Italia”). Il trattamento così attivato potrà coprire l’intero orario di lavoro ed essere rivolto anche ai medesimi lavoratori già beneficiari dell’integrazione salariale straordinaria.
Questo è quanto stabilito dall’art. 20 del medesimo DL 18/2020.

Come per gli altri trattamenti già previsti per l’emergenza derivante dalla diffusione del coronavirus, anche in questo caso il relativo periodo non concorrerà al raggiungimento dei limiti massimi di durata complessiva per l’uso degli strumenti di integrazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU