X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 19 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Sono royalties i compensi per il trasferimento del know how

/ REDAZIONE

Sabato, 8 agosto 2020

x
STAMPA

Con la risposta a interpello n. 258/2020, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che rientrano nella nozione di royalties ai fini convenzionali i compensi per il trasferimento del know-how a favore di una società egiziana, anche se il contratto comprende prestazioni accessorie quali l’utilizzo di disegni (ad uso esclusivo della controparte per la propria attività industriale), l’assistenza tecnica e la formazione del personale in loco.

Si applica, infatti, in questo caso il principio contenuto nel Commentario all’art. 12 del modello OCSE, secondo cui, ove dall’analisi dei termini contrattuali risulti che un’attività sia di gran lunga principale rispetto alle altre (le quali, quindi, presentano carattere ausiliario e assumono minore rilevanza), il regime applicabile è quello relativo alla prestazione principale, che nel caso specifico è rappresentata dal trasferimento del know-how.
Da questa ricostruzione discende che i canoni versati sono regolati dall’art. 12 della Convenzione Itala-Egitto e sono quindi assoggettati a imposta in Egitto nella misura del 15%.

Avendo i pagamenti subìto una ritenuta in misura pari al 20% (aliquota prevista dalla legislazione interna egiziana), la società italiana può detrarre l’imposta estera a norma dell’art. 165 del TUIR limitatamente alla parte corrispondente all’aliquota del 15%, dovendo invece richiedere a rimborso il 5% eccedente allo Stato egiziano.

TORNA SU