X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 26 febbraio 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Maggiorazione importi ANF provvisoria in attesa dell’iter sanitario di revisione

La domanda sarà accolta con decorrenza dalla presentazione dell’istanza se, dopo la revisione, è confermata l’inabilità del componente del nucleo

/ REDAZIONE

Mercoledì, 24 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con il messaggio n. 754/2021, l’INPS ha fornito alcune precisazioni in ordine all’accertamento e alla revisione dell’inabilità, prevista dalla normativa in materia di assegno per il nucleo familiare (ANF) di cui all’art. 2 del DL 69/88, in favore dei soggetti, minorenni inabili o maggiorenni inabili a proficuo lavoro, componenti il nucleo familiare del richiedente la prestazione.

La citata disposizione, al comma 2, prevede che l’assegno competa in misura differenziata in rapporto al numero dei componenti e al reddito del nucleo familiare, secondo specifiche tabelle, evidenziando inoltre che i livelli di reddito previsti dalle tabelle sono incrementati nell’ipotesi in cui nel nucleo familiare siano presenti soggetti che si trovino, a causa di infermità o difetto fisico o mentale, nell’assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi a un proficuo lavoro, ovvero, se minorenni, che abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età.

Come ricordato con il messaggio in commento, sotto il profilo amministrativo la maggiorazione dell’importo dell’ANF è riconosciuta solo dopo l’autorizzazione delle Strutture territoriali dell’Istituto, rilasciata una volta acquisito il parere dell’Ufficio medico legale. Tale maggiorazione viene riconosciuta per un periodo limitato di tempo, in particolare la durata non supera mai la data di revisione prevista nel verbale sanitario o la data indicata dal responsabile sanitario di sede.

Tuttavia, la sospensione delle visite per l’accertamento sanitario degli stati di invalidità e disabilità, causata dalla fase di emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del virus COVID-19, ha determinato un allungamento dei tempi di attesa per il rinnovo dell’autorizzazione alla maggiorazione degli importi ANF nelle more dell’iter sanitario di revisione.

Pervenute all’INPS diverse richieste di chiarimento

Sull’argomento sono pervenute diverse richieste di chiarimento all’Istituto previdenziale, il quale ricorda che, in base a quanto previsto dall’art. 25 comma 6-bis del DL 90/2014, nelle more dell’effettuazione delle eventuali visite di revisione e del relativo iter di verifica, i minorati civili e le persone con handicap in possesso di verbali in cui sia prevista rivedibilità conservano tutti i diritti acquisiti in materia di benefici, prestazioni e agevolazioni di qualsiasi natura.

Premesso ciò, l’Istituto precisa che il riconoscimento della maggiorazione degli importi ANF tra la data di scadenza del verbale rivedibile e il completamento dell’accertamento sanitario, in presenza degli altri requisiti di legge, sarà accolto provvisoriamente in attesa della conclusione dell’iter sanitario di revisione.

Se all’esito della revisione viene confermato lo stato di inabilità, la domanda sarà accolta con decorrenza dalla data di presentazione della relativa istanza, mentre se non risulta confermato lo stato di inabilità si procederà alla reiezione della domanda di autorizzazione ANF per la maggiorazione dei livelli dalla data dell’accertamento sanitario.

TORNA SU