X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Trasporti internazionali in regime di non imponibilità IVA con limiti dal 2022

Con le modifiche al Ddl. di conversione del DL fiscale, l’Italia si allinea ai principi della Corte di Giustizia

/ Fabio Tullio COALOA e Laura MACRELLI

Venerdì, 3 dicembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Tra le modifiche apportate al DL 146/2021 dal Ddl. di conversione, si segnala l’adeguamento della normativa nazionale (art. 9 comma 1 n. 2 del DPR 633/72) in merito al regime di non imponibilità IVA per i trasporti internazionali di beni, a seguito della sentenza della Corte di Giustizia Ue 29 giugno 2017, causa C-288/16, mettendo fine (o almeno si spera) ad una serie di contestazioni sollevate dall’Agenzia delle Entrate a seguito di tale pronuncia.

Nello specifico, l’art. 9 comma 1, n. 2) del DPR n. 633/1972 qualifica come servizi internazionali o connessi agli scambi internazionali, non imponibili IVA, “i trasporti relativi a beni in esportazione, in transito o in importazione temporanea, nonché i trasporti relativi a beni in importazione i cui corrispettivi sono assoggettati

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU