Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Esenzione di quote dall’imposta di successione utile anche entro la franchigia

L’applicazione dell’esenzione determina vantaggi per le imposte sui redditi

/ Gianluca PEZZATO

Venerdì, 24 giugno 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Non richiedere l’esenzione dall’imposta di successione di cui all’art. 3 comma 4-ter del DLgs. 346/90, per il trasferimento successorio di quote, nel caso in cui l’imposta resti comunque non dovuta, per il mancato superamento delle franchigie di legge, potrebbe rivelarsi non opportuno alla luce delle disposizioni previste ai fini delle imposte dirette.

Il comma 6 dell’art. 68 del TUIR prevede, infatti, che il costo fiscale da assumere ai fini della determinazione della plusvalenza tassabile in caso di cessione delle quote derivanti da una successione sia il valore dichiarato (o definito) agli effetti dell’imposta di successione o, per i titoli esenti da tale imposta, il valore normale alla data della morte del de cuius.
In altri termini, il costo fiscale delle ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU