Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Riporto dei tax assets oltre il limite patrimoniale nelle fusioni

/ Enrico TERRAGNI

Giovedì, 30 giugno 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nelle fusioni societarie, il mancato superamento di uno o di entrambi i test previsti dall’art. 172 comma 7 del TUIR per il riporto dei c.d. tax assets – vale a dire, le perdite fiscali pregresse, le eccedenze ACE e di interessi passivi indeducibili ex art. 96 del TUIR – non esclude automaticamente il riporto, bensì, stante la natura antielusiva della norma, residua la possibilità di richiederne la disapplicazione, presentando un interpello ex art. 11 comma 2 della L. 27 luglio 2000 n. 212.

Oltre al “test di vitalità” – da intendersi superato se dal Conto economico dell’esercizio precedente a quello di deliberazione della fusione, i ricavi e i proventi dell’attività caratteristica, oltre ai costi per le prestazioni di lavoro subordinato e i relativi contributi sono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU